Presentazione di Cristina Rossi

Di Alessandra Chiappini colpisce il riferimento al mito, un tema a lei caro, come forza propulsiva che emana dal passato e si proietta nel presente. Nelle sue opere passato e presente si compenetrano fino a comporre frammenti di realtà che hanno radici profonde nella nostra interiorità. Così il mito rende possibile e fondante il conflitto da cui trae origine la nostra identità nella forma più concreta, quella del corpo, del suo dissolversi, della terra e del cielo, della vita e della morte. Il suo segno grafico e pittorico, marcato e lieve al contempo, sta a significare un arco di tempo e uno spazio all’interno del quale si giocano gli opposti elementi della sua “cosmologia”.
Cristina Rossi

Perimetri

Il presente sito si avvale di cookie necessari al funzionamento dello stesso ed utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, il Visitatore del sito acconsente all’uso dei cookie. Per saperne di più e/o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la pagina contenente la Privacy Policy.