dipinti del 2017-18

Sono convinta che l’arte consista nell'aspirazione a restituire un’immagine istantanea e viva dell’universo, intuito nella sua polifonica e contraddittoria molteplicità. E lo spirito estatico con cui amo frequentare la montagna o il Mar Egeo è il senso stesso della mia pittura: è un'esperienza istantanea di con-fusione panica in cui perdere la coscienza di individuo e riunirsi al tutto di fronte alla vastità e alla varietà del paesaggio naturale, considerato anche nel suo farsi, e disfarsi, nel corso del tempo. Credo che sia quest’idea del tutto ad avermi portato in pittura a giustapporre materia, e materiali eterogenei, e anche probabilmente a tendere verso il bianco, somma e conflagrazione di tutti i colori.
La maggior parte dei titoli è presa dalle poesie di Wallace Stevens

Il presente sito si avvale di cookie necessari al funzionamento dello stesso ed utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, il Visitatore del sito acconsente all’uso dei cookie. Per saperne di più e/o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la pagina contenente la Privacy Policy.