La fusione panica con la natura

Negli ultimi anni ho cercato di scandagliare cosa mi interessa più profondamente, anche con un giochino divertente, elencando libri letti e amati e incolonnandoli in base alle tematiche ricorrenti, e predominavano soprattutto due idee: l’interesse per gli archetipi (il mito greco, Jung, Hillman), e il sentimento dell’unità con il tutto, nel senso della fusione panica con la natura, anche rispetto al trascorrere del tempo (il mito dei nativi americani prima, il dionisiaco e l’eterno ritorno di Nieztsche poi).
Ed in effetti a pensarci bene io che ora me ne vado a dormire all’addiaccio a 2000 metri sono la stessa che da bambina passava ore a cavalcare il suo cavallo di legno ascoltando le colonne sonore dei film western. E lo spirito estatico con cui amo frequentare la montagna è il senso stesso della mia pittura: dimenticarsi di sé come individuo e riunirsi al tutto di fronte alla vastità, e alla varietà del paesaggio naturale, considerato anche nel suo farsi, e disfarsi, nel corso del tempo. In fondo è poi il dolce naufragare nel mare infinito di Leopardi, ma è un infinito dalle forme plastiche e fluide, il mio segno. Credo che sia quest’idea del tutto ad avermi portato in pittura a giustapporre materia, e materiali eterogenei, e anche probabilmente a tendere verso il bianco, somma e conflagrazione di tutti i colori. E’ poi forse in fondo una forma di spiritualità.

img39 01

Il presente sito si avvale di cookie necessari al funzionamento dello stesso ed utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, il Visitatore del sito acconsente all’uso dei cookie. Per saperne di più e/o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la pagina contenente la Privacy Policy.